Passa ai contenuti principali

COMPROMESSO - EROTIC NOVEL

Nella vita ci sono sempre dei compromessi da sottoscrivere. Questo però aveva il sapore inebriante delle prime mattine di primavera, dove l’aria frizzante racconta che presto ci sarà l’estate, dove il profumo di nuova vita ubriaca a tal punto da rendere tutto possibile. “Casa” era ufficialmente di Agata e Pablo. A convincerli era bastato un pomeriggio senza aspettative. Per la prima volta non avevano dato spazio ai progetti, alle responsabilità, al lavoro, ai ma e ai perché. A guidarli solo la pancia. Una follia? Non secondo Erasmo Da Rotterdam.

Si erano presi del tempo per avere un ordinato caos. Del tempo dovuto alle loro vite passate, al loro essere presente, al non conoscere il futuro. Complici le innovazioni tecnologiche e la grande fortuna di avere due lavori “moderni”, plasmabili sulla persona e non sui luoghi fisici, i nuovi abitanti di “Casa” avevano deciso di trasferire le loro sedi di lavoro fronte mare. Il modo di far filare le cose lo avrebbero trovato, con calma, con il loro metodo: impreciso, illogico, perfetto per contenerli.

Pablo che di latino aveva solo il nome (fortemente voluto da sua madre che, durante i suoi studi all'Accademia delle Belle Arti, del più famoso pittore ne aveva fatto il suo uomo ideale sognando una fuga in Provenza per esserne la musa ispiratrice) aveva ridotto al minimo le sue consulenze finanziarie per diventare Capitano. Con un poco di sforzi e un paio di bordate alla Borsa aveva battezzato con una preziosa bottiglia di prosecco ghiacciata Pauline,15 metri di felicità. Pauline l’unica che poteva mettersi tra Agata e Pablo con il suo scafo longilineo e le vele color petrolio. 
Agata di suo, che cento ne pensava e mille ne faceva, impossibilitata a stare con le mani in mano, un domenica di maggio aveva trovato il suo spazio alla locanda, gestita dall’anziana Marta.

Il primo vero sole aveva convinto i turisti a ripopolare le coste, Marta a riaprire la terrazza e Pablo a riprendere i viaggi con Pauline e un gruppo di turisti tedeschi.
Agata di suo, quando lui era per mare  nel giorno del Signore soleva mangiare alla locanda. Come in un rito tantrico, arrivava alle 12.30 in sella alla sua vecchia moto Guzzi, ordinava un bicchiere di bianco fruttato al banco e fino alle 13 faceva conversazione con Marta. All’ora del pasto si spostava nel piccolo tavolino nell’angolo a sinistra della sala da pranzo, posava un plico di lettere sulla tovaglia a quadrettoni rossi. 

Avevano iniziato a scriversi lettere d’amore da prima di conoscersi, da prima di sapere che non si sarebbero lasciati mai. Almeno una a settimana, era diventata la regola, da lasciare negli angoli nascosti della casa di lei o lui. Piccole sorprese, coccole per l’anima per non dimenticare mai di essere come all’inizio, se lo erano promesso. Ora che il tetto era diventato lo stesso, le lettere trovano rifugio negli angoli più disparati di “Casa”. Tra le lenzuola, che venivano cambiate ogni sabato mattina, dentro il portavivande in acciaio del nonno in cui mettevano il caffè, tra i pizzi di lei o nella cassetta degli attrezzi di lui.  

Ogni volta che Pablo partiva per un viaggio però, le lettere venivano messe sotto il cuscino sinistro della cabina padronale di Pauline, accompagnate dalle mutandine che la sera prima erano state sfilate in quello stesso letto. Agata voleva ribadire a Pauline che avevano il permesso di partire, ma che l’unico odore, l’unico sapore, l’unica da cui sarebbe sempre tornato era sempre e solo lei. Pablo era un uomo libero, erano il suo cuore e il suo cervello a essere impegnati.

Quel giorno il manicaretto tardava e così Agata prese a leggere le lettere di Pablo, in attesa di nuove parole ben sigillate in carta da lettere profumata d’ambra. Tardavano, ma era solo perché il mare ha le sue regole e i suoi tempi, lei poteva solo aspettare. Le lunghe mani laccate di rosso delinearono con delicatezza i bordi della busta come se accarezzasse quelli del suo amato, la aprì con ardore e malizia come quando le sua gambe scivolavano sulle lenzuola bianche per aspettare l’arrivo di lui. Sospirò iniziando a leggere:



Commenti

Post popolari in questo blog

W le DONNE, NON TUTTE PERÒ

Auguri, ma NON a tutte le donne
Il mio augurio è per quelle Donne che amano le donne, per davvero. Per tutte quelle che non fanno dietrologie, che si aiutano e fanno squadra, perché diciamolo, possiamo essere le peggiori nemiche di noi stesse e del nostro genere. Combattiamo le donne che si fanno promotrici dell’orgoglio femminile e poi sono le prime a fomentare i luoghi comuni.
Alle Donne non devi dire “NON ESSERE INVIDIOSA”, ne conoscono il significato e lo aberrano.
Donna AMA la Donna nella sua Bellezza, nella sua diversità. LOTTA contro chi vuole mortificare la tua femminilità: il nostro corpo non è un peccato mortale, lo è pensare che per essere al pari di un uomo si debba assomigliargli nei modi e nell’aspetto. Io dico: “No, grazie”. 
Rivendico la mia diversità e quella di amare la loro.  Rivendico il diritto di essere fragile, di piangere davanti a un film romantico, di non temere la cavalleria e non aver paura che qualcuno la usi.  Rivendico

SARÒ MAMMA!

Sarò mamma o forse no. Ultimamente me lo chiedo spesso, ma non perché sia scattato l'orologio biologico o sia successo qualcosa che non mi aspettavo.  Appassionata di sociologia mi guardo intorno e vedo una spaccatura delle trentenni di mezzo corso. Abbiamo le single dopo decenni, le neo separate, le fidanzate da una vita e le spose perfette. Tra queste dobbiamo ancora dividere tra chi ha o non ha prole. Premetto che non vuole essere una critica, né tanto meno una presa di posizione, solo il punto di vista di chi, come me non ha ancora procreato a questa età.
Quando hai trentasei anni e non hai figli ti trovi a essere la rappresentante di una categoria ben precisa: futura puerpera attempata (dando per scontato che prima o poi ti farai fecondare). Errato. Alle volte non filiare è una scelta, libera. Capita, lo dico per esperienza, di trovarti al supermercato e di essere l'involontaria protagonista delle critiche della signora dei salumi: "Mio figlio ha quasi 18 anni e io sono an…

JE SUIS FRIDA KAHLO, MA NON AMO COME TE

Cara Frida,
sì, sei andata oltre il mito svestendoti di quell’aura di superiorità per diventare umana. Fai meno paura, sei arrivabile, comprensibile, tangibile, fragile. Eri mito, ora (per me) sei donna. Come me. Credo saremmo diventate amiche, sai?. Forse esagero. Non credo, no. Assomigli molto alle mie amiche e donne che stimo,  quelle che vengono definite “donne con le palle”. Sono donne energiche, spavalde, forti. Hai presente quelle che ci sono sempre, che risolvo problemi e che sembra possano portare sulle loro spalle tutto il  peso del mondo senza aver bisogno di un sostegno. Ne hanno invece , per sopportare  quelli altrui e anche, dopo, i loro. Sono quelle donne che inseguono i loro sogni, i loro ideali con la grinta degli adolescenti, che si scaldano per un torto e che non si pentono mai di quello che hanno fatto, perchè, le ha portate a essere quello che sono.  Lamentano, in silenzio, di non poter mai essere “deboli”, perchè gli altri pensano “tanto lei ce la fa da sola”. Lo confess…